Archivio tag: calabria

Anna Maria

Anna Maria l’avevo vista al camping San Paolo, nel 2010.
La ricordo davanti al forno a legna con il fazzoletto in testa, sorridente a sfornare ottime pizze: ha due occhi azzurri che ridono e le rendono sorridente tutto il viso.

Quest’anno sono tornata al San Paolo sono rimasta solo due notti.

La prima sera a cena abbiamo trovato posto proprio vicino al forno della pizzeria: Anna Maria in prima fila, la sentivo scherzare e ridere con i ragazzi che servono ai tavoli che la chiamano “zia Marì”.

Ho ordinato una spianata con sale e rosmarino da accompagnare alla birra, in attesa della mia  bistecca.

La seconda  e ultima sera per cena, ho ordinato senza indugio una Napoli senza mozzarella.

La pizza è buona come la ricordavo e mentre lo penso, Anna Maria passa affianco al mio tavolo. Le sorrido e lei si ferma.

“Come siete belle!” esclama rivolgendosi a me e a chi è con me.

“Complimenti per la pizza, ottima come ricordavo” ribatto.
“Ieri hai preso la schiacciata e la bistecca, somo felice che ti piace la pizza. Sei tornata quest’anno.”
“Sono stata qui anche due anni fa ma tu non c’eri!”
“Ti ricordi di me?!” E’ stupita “Ho fatto solo il 2009 eil 2010 e sono tornata quest’anno.Io mi ricordo che tu c’eri il 2010”
Anna Maria si appoggia con il gomito al mio tavolo.
“Certo che mi ricordo di te…la tua pizza é buonissima e poi mi ricordo sempre di te sorridente a fare le pizze!”.
” Da dove venite?”
“Dall’Emilia anche se io sono di Cosenza,vivo a Bologna da tanti anni”

“Che bella l’Emilia ci sono stata per un mese due anni fa per il terremoto: volontaria Protezione Civile. Io e mio marito stavamo in cucina!”

Lo dice con una semplicità e una punta di orgoglio che le gonfia il petto.
Mi sale un brivido lungo la schiena e gli occhi mi si riempiono di lacrime per la commozione…

“Grazie” le dico e le afferro un polso in modo goffo.
“Grazie a voi. Noi lavoriamo per voi, la cosa importante è che voi mangiate e state bene, lavoriamo per questo…no?”
Ho il cuore a 1000 davanti a questa piccola-grande donna mi sento minuscola…
“Com’è andata la stagione?!” le chiedo per cambiare argomento
“Bene, ma c’è poca gente…anche qui che non te l’aspetti…la crisi ha colpito anche noi. Del resto la crisi colpisce solo i piccoli…i grandi stanno sempre bene!”
Mi sorride e si allontana, piccola e svelta con le guance rosse e il fazzoletto in testa.
Anna Maria, le “piccole” persone come te rendono il mondo un posto in cui è ancora bello vivere…

Cosenza Vecchia

20130103-022924.jpg
Cosenza Vecchia é il centro storico di Cosenza.
Per molti anni dimenticato, sottovalutato; per troppo tempo ritenuto un ghetto.
Ho frequentato quotidianamente Cosenza Vecchia negli anni del liceo: percorrevo Corso Telesio ogni giorno per andare a scuola e ritornare a casa.
Nel corso degli anni Cosenza Vecchia é stata riscoperta, ricordata e rivalutata.
Portata all’antico splendore.
20130103-022245.jpg

Oggi é un miracolo che vive arroccato su un colle che sovrasta la città nuova.
Il centro storico di Cosenza si dirama in numerosi vicoli che danno vita a scorci meravigliosi, davanti ai quali non posso fare a meno, ogni volta, di fermarmi a guardare, per fare una foto, o semplicemente per chiedermi cosa ci sarà dietro quell’angolo.

20130103-023725.jpg

Cosenza Vecchia é una bellissima donna dal passato travagliato, che nasconde tanti segreti.
Ha un carattere forte e fiero, tipico di una donna del sud e come tale, sa offrire a chi l’apprezza una ineguagliabile dolcezza.
La sua bellezza é commovente, il suo fascino indiscusso, magnetico…
Io ne sono innamorata e ogni volta che torno é una gioia perdermi in essa e ogni volta che parto é un tesoro che mi accompagna.
Non vorrei essere nata in nessun altro posto se non a Cosenza.

Indagine Giornalistica ai tempi di Twitter

Qualche tempo fa, una mattina come tante mentro mi preparo ad andare in ufficio, sento una notizia che, mi colpisce.

La prima cosa che mi viene in mente di fare è twittarla indirizzandola a Calabria Blogosfere. Ecco cosa ne è seguito e cosa vuol dire fare informazione e informarsi via twitter 😉

[click sulle immagini x ingrandire le anteprime]

Ed Ecco l’articolo!