Archivio tag: Sanremo

Leoni per Agnelli

Stasera sono stata a casa della mia amica Alice.Cena sul divano e film.Abbiamo visto Inglorious Bastards.Bello avvincente quanto basta e abbastanza splatter. MoltoTarantino.Finisce il film spegniamo il lettore e parte in automatico la TV.Parte Rai1. Raggomitolato su una poltrona che sembra ingoiarlo c’è Morgan.Stretto nelle sue piccole spalle e proiettato attraverso i suoi occhioni da cerbiatto,Morgan è placido, accondiscente, dimesso e parla con il tono di voce che si addice ad Heidi.Il piccolo Morgan dice che lui è stato travisato, che la giornalista che lo ha intervistato ha travisato le sue dichiarazioni.Lui è un malato, usa la cocaina come antidepressivo, che gli è stata consigliata da uno psichiatra,che se la cocaina non fosse illegale, gliel’avrebbe persino pescritta…Vespa ribatte

“ma lei ha dichiarato di assumerla in basi”.

Nel frattempo la Livia Turco prende la parola e mentre parla inizia a piangere.Livia Turco piange perchè ripensa a suo figlio che le ha racconato di come sia facile per i ragazzi trovare la droga ovunque . La droga è dappertutto (ma va? !!)La Turco piange e dice a Morgan

“Lei è una persona vicina ai giovani,che manda dei messaggi, che li influenza,lei è seguito…”

e Morgan si raggomitola ancora di più sulla sua poltrona e con gli occhi enormi liquidi e languidi e dice

“Lei ha ragione..”

e spalanca ancora di più gli occhi, ma non riesce ad aggiungere altro.Io e Alice siamo inpiedi scalze ci abbracciamo e non riusciamo a smettere di ridere.Ogni tanto bisogna guardare la TV…

Ps per Morgan: Se non hai il carisma della Rock Star, non fare la pipì fuori dal vasino, perchè succede che i grandi si arrabbiano e ti tolgono i giocattoli e non resta altro a chi come te si atteggia a genio folle e dannato ma non ne ha stoffa, di dover anndare da Vespa a farsi trattare come un caso sociale,pur di continuare a lavorare in TV!

“Luca era Gay e adesso sta con lei…”

Ho ascoltato anch’io la canzone di Povia quella della polemiche.Che dire?Il pezzo in se non dice nulla di nuovo,nè di eclatante. Racconta la storia di una persona che cambia preferenza sessuale e mentre ha una relazione con una persona del suo stesso sesso,s’innamora di una persona del sesso opposto ed è felice e contento.Bene.Nulla di nuovo per quanto mi riguarda,tantomeno di strano.Sono piena zeppa di amici Gay che in passato sonon stati dei padri di famiglia con tanto di figli a carico e viceversa.Non è questa la cosa grave del pezzo di Povia.Come mi ha fatto notare una persona che di musica se ne intende molto più di me, la cosa agghiacciante è la scelta delle sonorità.Il pezzo di Povia cambia sonorità in modo repentino e sistematico allo stesso tempo ecco come:ogni strofa in cui si parla di Luca che sta con lei ed è felice,la sonorità è melodica e omogenea.La melodia si trasforma in angosciante e cupa quando si parla di Luca che stava con lui.Il testo è stato rimaneggiato in modo da non fare autogoal dopo che da mesi impazzano sul web gruppi su facebook per impedire a povia di cantare.A parte che se anche Povia sia stato gay per 6 mesi…io credo che sia un sollievo per tutta la comunità omosessuale italiana, sapere che adesso Povia è passato dall’altra parte…mammamia!Ho apprezzato l’autismo di Benigni nel recitare Oscar Wilde,ma fosse per me,non avrei dato in pasto quelle liriche alla platea di Sanremo; anche perchè la stesse mani, hanno applaudito Povia la sera successiva.Buonismo gratuito e polemiche scontate.Siamo in Italia all’ombra del Vaticano e purtroppo i gay saranno sempre visti come quelli che vanno contro la morale della chiesa e che se ne dica…non ci sarà mai posto in questo paese per delle unioni laiche…siamo in un paese in cui ancora….ma l’ho già detto troppe volte…Basta cosìBona lèCosì è se vi pare.

Ipse Dixit

mussolini“Considero sconveniente la scelta della RAI di invitare a Sanremo le conigliette di Playboy. Visto il dibattito di queste ore su fatti drammatici, che hanno visto le donne come tragiche vittime, ritengo inopportuna e disattenta verso il mondo femminile la scelta operata dal servizio pubblico radiotelevisivo di far partecipare al Festival di Sanremo la “squadra” di Playboy.Ma se la RAI non proprio ne puo’ fare a meno e per non essere tacciata di bieco maschilismo, visto che anche noi donne paghiamo il canone, almeno invitasse anche i California Dream Men”.Alessandra Mussolini