Archivi categoria: 1

Valentina e l’aula multimediale

Valentina è, a suo dire, una tecno-lesa :)Valentina di mestiere fa la maestra: i bambini sono la sua grande passione.Quest’anno Valentina ha avuto cattedra in una scuola del centro di Bologna e alla prima riunione di istituto si è messa subito in mostra.Quel giorno infatti, c’erano alcuni elenchi da stampare per i genitori ( tipo elenco dei maestri e riferimenti di contatto..).Un grossissimo problema si poneva e attanagliava tutto il corpo insegnante: le cartucce Ciano della stampante erano esaurite e quel poco di colore rimasto stampava in rosa fucsia.

Come fare a stampare gli elenchi per i enitori in rosa- fucsia?

Valentina, dotata di grande senso pratico, eludendo qualsiasi complicazione informatica, decideva di stampare una copia del documento in fucsia e di fare delle fotocopie in bioanco e nero, ottenendo così, una fantastica stampa in Ciano!

Risultato…ecccellente!

Valentina viene subito identificata come genio informatico ed eletta nel successivo consiglio di istituto, Responabile dell’Aula Multimediale!Fra lo stupore e l’emozione Valentina mi racconta l’accaduto e mi chiede consigli su come oirganizzare al meglio l’aula multimediale.Sfodero subito alcune dritte basic per poi passare ad alcuni accorgimenti tecnici più evoluti. Qualche giorno dopo Valentina mi confermerà che grazie alle mie dritte ha fatto

“Un figorone!”.

Tempo dopo rivedo Valentina e le chiedo come va con l’aula multimediale mi risponde sorridendo

“Va bene, alla fine con tutti i tagli alla scuola pubblica, tutto quello che c’è da fare è cambiare il toner della stampante,ma fra un pò non avremo più i soldi per comprare il toner…”

“Con pazienza e vasellina…

L’elefante s’inculò la formichina!”Eggià perchè non siamo altro che formichine,qui a parlare, scrivere,postare…Noi che crediamo di poter cambiare le cose,noi che crediamo nella giustizia, che poi prima o poi le cose devono andare bene, che la gente si renderà conto di quello che è giusto e quello che è sbagliato.Noi che crediamo che la mafia si possa sconfiggere e invece ce la ritroviamo ovunque.La legge è uguale per tutti, ma sempre se non da fastidio a chi ha il potere a chi porta avanti i propri interessi sulle spalle di tutti.Formichine inutili che sgambettano indifese e attonite.Incredule che una legge possa essere studiata e proposta per rendere facile la vita a chi è disonesto.

La legge sul processo breve non riforma il sistema giudiziario; accorcia i termini del processo penale e disarma i giudici difronte all’arroganza del più forte a tutti i costi.

Il paradosso

In breve:L’avvocatura dello Stato ha espresso la propria preoccupazione nei confronti della eventualità di una bocciatura del Lodo Alfano (ve lo ricordate?)

“Se la Corte Costituzionale dovesse bocciare il ‘lodo Alfano’ “ci sarebbero danni a funzioni elettive, che non potrebbero essere esercitate con l’impegno dovuto, quando non si arrivi addirittura alle dimissioni. In ogni caso con danni in gran parte irreparabili”.

Si perchè siamo arrivati a questo qui, in questo paesello in cui l’assurdo regna sovrano.Siamo arrivati a doverci preoccupare, attraverso l’avvocatura dello Stato,che la “Legge salva Premier”,non venga bocciata dalla “Suprema Corte” altrimenti salterebbero troppe poltrone…In parole povereVisto che il Premier e combriccola hanno un numero “importante” di procedimenti penali a carico, non solo è tollerato che vengano redatte e votate leggi ad personam;dobbiamo anche augurarci che la Corte Costituzionale, non le respinga (perchè anticostiotuzionali o illegittime) altrimenti, causa condanne, potremmo assistere alla rassegna delle dimissioni, di gran parte dei politici attualmente al governo.

Ma vi rendete conto dell’assurdo?

Sono davvero,davvero felice di aver “appreso l’arte giuridica e averla poimasse da parte”.Se ripenso alla passione con cui studiai l’esame di Diritto Costituzionale e le parole e perifrasi usate per descrivere gli alti compiti attribuiti a questo sommo organo…mai,ma neanche lontanamente avrei pensato che essa avrebbe potuto essere “ostaggio” di un manipolo di avventurieri politici attaccati alla potlrono più che alla propria dignità personale.La dignità è il punto.

Penso che a questo punto il nostro paese abbia definitivamente perso la dignità.

Yoko Ono e il porto d’armi

Oggi sono stata a Soho e ho visitato l’Annex il Rock & Roll Hall of fame.Se passate da queste parti ve lo consiglio,davvero bello e interessante.L’Annex,oltre alla mostra permanente dedicata alla musica e all’evoluzione del rock, ospita una temporanea dedicata a John Lennon e alla sua storia,la curatrice è Yoko Ono.Ci sono filmati inediti e opere monoscritte dell’artista,interviste e release mai viste.Yoko Ono promuoove all’interno della mostra una petizione contro la vendita indiscriminata di armi in USA.La richiesta di adesione recita circa così “John venne ucciso nel 1980 da una personaqualunque che aveva regolarmente comprato un arma. Firma per chiedere al presidente Obama di porre delle restrizioni alla vendita indcriminata di armi in USA”.Ieri allo speech di Obama c’era un uomo fra la folla, con la mitraglietta sotto braccio.Nessuno ha potuto dirgli nulla:l’arma era stata regolarmente acquistata dall’uomo e non c’è nessuna legge attualmente vigente negli Stati Uniti che impedisca a quell’uomo di girare armato…