Archivi categoria: Girls

Bologna 15 Ottobre 2011: nuove professioni delle donne

Con sommo ritardo eccomi anche io a parlare di Nuove Professioni delle Donne: evento che ha visto il team GGDBologna impegnato per la prima volta insieme ad un’altra associazione Donne Pensanti e ad un media partner Artcolo37nella organizzazione, conduzione e svolgimento.

Nuove professioni delle Donne e’ partito tanto tempo fa, quando mi sentivo chiedere “Che lavoro fai?” e cercavo, lo faccio ancora oggi, di spiegare nel modo più semplice possibile, ai miei interlocutori e, puntualmente, mi sentivo dire “Che figata, come hai fatto?!Come si fa a fare un lavoro come il tuo?”.

A parte lo stupore iniziale, mi sono resa conto che

spiegare alle persone, in modo semplice, concreto e senza metteresi in bocca dei termini troppo tecnici, può aprire dei percorsi, può stimolare dei percorsi e anche una presa di coscienza.

E allora mi rullava in testa questa idea e mi rullava ancora.
Poi un giorno la vita mi ha messo sulla strada le ragazze del team GGDBologna e Francesca Sanzo.
Io e Francesca ci eravamo viste gia’ altre volte sempre a BarCamp o eventi piu’ o meno istituzionali, poi succede che un giorno, credo fosse Maggio, decidiamo di vederci al Pratello per un aperitivo.

[Dio salvi il Pratello!]

Tra uno spritz e un chiacchiera, spiego questa idea che avevo in testa a Francesca….e con o stupore Francesca capiva perfettamente quello che intendevo, perché, la stessa cosa succedeva anche a lei!
E poi succede che GGDBologna e’ cresciuta tantissimo fino a distornerò una associazione, a Bologna e’ arrivata un po’ di aria nuova, le istituzioni ci hanno teso alano interessandosi alle nostre iniziative. Poi un giorno ci contatta Tommaso Gavioli de Lo Stile Di Bologna per proporci di partecipare a Minganti Tech, un progetto di riqualificazione del centro commerciale Officine Minganti…e allora dopo più di un anno da quell’aperitivo al Pratello, Le Nuove Professioni delle Donne inizia a prendere forma.
Passo dopo passo abbiamo messo in condivisione i nostri contatti, un piano di comunicazione, chiesto il patrocinio delle istituzioni e chiamato donne da tutta Italia che fossero interessate a condividere le proprie esperienze….
I lavori sono partiti a Luglio e da allora al 15 Ottobre abbiamo lavorato senza sosta, senza orari…ma con un unico scopo: organizzare una giornata di confronto.
Abbiamo avuto tantissime risposte, più di quelle che ci aspettavamo, abbiamo avuto tantissime adesioni di partecipazione ai workshop.
E soprattutto, ci hanno scritto tantissime donne chiedendoci di portare il format in altre zone d’Italia.
E’ stata una giornata intensa e piene di contenuti, sinergie e scambi di professionalita’.
Abbiamo fatto rete, in modo reale, concreto ed efficace…
Vi lascio al racconto di Silvia Storelli che come sempre ci ha donato questo suo prezioso contributo.
Le Nuove Professioni Delle Donne
Questo l’articolo che ho scritto su l’Informazione di Bologna, diva abbiamo aperto anche un blog in cui raccoglieremo tutti i contenuti relativi alla giornata del 15 e racconteremo gli sviluppi futuri di
NPDonne, che vi assicuro saranno interessanti 😉

GGD10Bologna…wow!

Il decimo appuntamento del team Girl Geek Dinners Bologna e’stato come non me lo immaginavo, perché le cose sono sempre come non te le immagini 🙂
C’e stata musica, tanti Brindisi, tanti amici e tante, tante emozioni…
Quando siamo partite, io, Daniela, Cecilia, Enza e le persone che sono passate, andate e aggiunte lungo la strada [Giulia e Tonia] di certo ci aspettavamo di organizzare eventi e ci auguravamo di riscuotere un discreto successo,ma non avremmo mai pensato di arrivare a tanto.

A Bologna il team GGD ha costruito un network di rapporti e collaborazioni che ci hanno portato a costituirci associazione di promozione sociale, avere una rubrica settimanale su L’Informazione di Bologna, organizzare dei corsi di alfabetizzazione digitale in sala Borsa insieme al Comune e pubblicare un e-book.
Tutto questo lo abbiamo fatto giorno, per giorno, minuto dopo minuto…

Ieri e’ stata una bellissima festa ed e’ stata proprio come non me la immaginavo…tanta gente si e’ unita alla nostra festa, perché in realtà la festa era la festa di tutti: tutte le persone che con la propria energia, ci hanno spinto a fare sempre di meglio e sempre di più.
WOW!

Bologna: ritorno al futuro!

Il 17 Giugno scorso ho avuto l’onore e il piacere di partecipare come “ospite” al convegno Idee in Circolo organizzato dalla Regione Emilia Romagna con la collaborazione di TagboLab Sono stata invitata a prendere parte, in qualità di fondatrice di Girl Geek Dinners Bologna, alla tavola Rotonda dedicata alle on-line Community dell’Emilia Romagna.

Con me, allo stesso tavolo sedevano: Panzallaria per Donne Pensanti, Alessandra Farabegoli per Romagna Business Club, Matteo Fantuzzi per Know Camp, Roberto Ciacci per Bologna In, Giovanni Arata per Turismo Emilia Romagna, Anna Piacentini di Modena In e Marianna Roscelli di Creative Clusters; il tutto moderato da Gianluca Diegoli aka [mini]marketing.

Un panel piacevolissimo e divertente: eravamo tutti li’ a raccontarci e a raccontare di come sono nate le nostre community, di come ci ricolleghiamo al territorio e di cosa ci aspettiamo dalle istituzioni. La platea attenta ha partecipato attivamente  tramite twitter e domande dirette. Le cose più interessanti che ho sentito sono state le proposte relative alla domanda “Se fossi la PA, cosa faresti”, sono scaturiti spunti e proposte di accessibilità e trasparenza e buoni propositi. Al nostro panel è seguito il panel della PA con Leda Guidi e giovani esponenti della Regione, del Comune. Interessante sorprendente interloquire con la PA attraverso tweet e retweet: è successo più di una volta che i miei tweed fossero ripresi e girati come spunto di discussione. Sorprendente e di ispirazione. Eventi come questo lasciano intravedere un futuro prossimo carico di innovazione e eccellenze. Al convegno è seguito l’aperitivo di networking organizzato da GGDBologna: nuovi spunti, approfondimenti e nuovi progetti… La mia giornata di Networking si è conclusa con l’abbraccio ai Green Geek in missione Wi Fi tour Bologna,  in Piazza Nettuno , una testimonianza gioiosa che trasmette la carica emotiva della giornata.Che giornata Bologna, quante cose insieme, quante ne abbiamo viste e fatte, un città pazzesca, chi non ti vive non può capire.I Heart Bologna.

Bologna 13.02.2011 Se non ora quando?

A  Bologna oggi si sono fermate le strade e con esse i bus del centro per far passare le tantissme persone scese in piazza con cartelli, pentole, fischietti, pupazzi…qualunque cosa idonea ad amplificare il messaggio.Chi non era  in strada si è affacciato alle finestre per salutare la folla.Il corteo si è mosso festoso per le strade,composto da donne e uomini di qualunque età, estrazione e appartenenza.Eravamo tanti uniti da un unico grande movente:”dire Basta!”.Non eravamo “le donne viola” come qualcuno ci ha definito,con l’intento di sminuire la rilevanza dell’evento, finendo per riempirsi la bocca di banalità che trasuda insicurezza e preoccupazione.

Non eravamo viola, nè radical chic, nè donne che si separano dalle donne.Eravamo una città intera, indignata con la voglia di manifestare il nostro dissenso verso uno sradicamento dei valori e della perdita della dignità nel nostro paese.

E’ stata talmente forte l’adesione che abbiamo conquistato Piazza Maggiore che, a causa di un provvedimento di Cofferati che vieta le manifestazioni in piazza al sabato e la domanica, era stata esclusa dal percorso ufficiale.Bologna oggi ha vestito gli abiti della protesta ed scesa in piazza a sostegno delle donne, per costruire un futuro possibile, che sia ancora in grado di proiettare i giovani verso orizzonti di crescita e di miglioramento.

Oggi siamo scesi in strada per dire “Basta” ad un paese in cui essere donna significa essere debole e vulnerabile, basta ad un paese in cui la politica sociale per le donne non esiste.Basta con chi svilisce le donne trattandole come merce di scambio

.Oggi eravamo tanti a dire “Basta” e il nostro messaggio è arrivato lontano: tramite twitter le manifestazioni Italiane sono state rilanciate in altri paesi e seguiti real time#senonoraquando (qui lo streaming ).Se non ora, quando? Perchè non siamo complici di chi non rispetta le donne, le istituzioni e la legge.Se non ora quando? E’ talemente basso il livello di moralità e legalità in cui veniamo prioettati quotidianamente che non siamo più in grado di sperare nelle istituzioni e credere nello Stato.Se non ora quando? Perchè oggi è già tardi, ma forse non troppo tardi per riuscire a svegliere le coscienze e tendere verso una società migliore.E’ stata una bellissima domenica!

Fare la dieta con l’iPhone

Un pò di tempo fa si parlava fra ragazze geek, di linea, peso forma e di nuove tendenze.Parlando di applicazioni (io ne avevo viste un paio su App Store circa dieta a zona) salta fuori che di app per tenersi in forma, ce ne sono di diverse e pare molto valideE allora, perchè non provare?

Del resto noi Geek Girls con l’iPhone ci facciamo tutto, perchè non usarlo anche per la dieta?

Dopo un pò di scouting ho scelto di scaricare la free version di  My Net Diary Come funziona?Una volta scaricata l’applicazione si registrano i dati inerenti alle proprie caratteristiche fisiche:altezza,peso reale e peso ideale che si vorrebbe raggiungere ed entro quale data

NB:se inserite una data impossibile My Net Diary ve la corregge autometicamente!

Le funzionalità che ho esplorato fino adesso sono abbastanza basic:La App calcola le calorie che possono essere consumate quotidianamente:per ogni giorno c’è un panel in cui inserire gli alimenti che si intendono consumenre o che si sono già consumati a pranzo, cena eventuali snack e bicchieri d’acqua .In base allae quantità di cibo inserito, MyNetDiary calcola in real time l’apporto calorico corrrispondente: segnala eventuali calorie ancora disponibli (evvai!) 😀 o eventuali calorie di cui siamo in debito 🙁.Se fate attività fisica di qualunque tipo: dalle scale per salire in casa al tragitto a piedi per arrivare in ufficio,i minuti di nuoto in piscina,piouttosto che la lezione di Yoga (potete scegliere fra Yoga energico o Yoga meditativo), potete inserire tutto e  viene conteggiato e tradotto in apporto calorico, in modo da bilanciare le calorie ingerite e quelle bruciate durante il giorno.Che dire?Di certo è un motivo in più per avere l’iPhone sempre in mano…e per ragionare su quanto possono essere grassi alcuni cibi che ingeriamo con molta leggerezza :)Un altro aspetto interessante è che, essendo l‘archivio dei cibi esclusivamente in inglese, è un ottimo mezzo per rinfrescare la memoria e per imparare teminologie nuove!Da provare!

8 Marzo 2010 100 anni di festa delle donne

Oggi si festeggia come ogni anno, la festa della donna, quest’anno facciamo 100 anni e cosa è cambiato?Tante cose certo, ma non abbastanza.

Ci sono ancora donne discriminate licenziate a “causa” della maternità: uno dei casi più eclatanti di quest’anno quello di Stefania Boleso marketing manager di Red Bull costretta a licenziarsi al rientro dalla metarnità.

Ma di discriminazioni nei confronti delle donne ne abbiamo a pacchi, se pensate che

nel 2010 fa ancora notizia la vittoria di Kathryn Bigelow : la prima donna a vincere un Oscar alla regia: Marzo 2010!

Dall’altra parte del mondo ancora si pratica l’infibulazione e ci sono donne che lottano perché vengano riconosciuti i diritti fondamentali come le donne Nepalesi sostenute da Apeiron Onlus che oggi propone le Mimose Rosse.Il rosso per ricordare la lotta delle donne Nepalesi che troveranno rifugio a casa Nepal la casa rifugio di Apeiron a Kathmandu.Il rosso delle mimose diventa il simbolo dell’emancipazione, della speranza e del riscatto sociale, ma soprattutto il colore della festa nepalese.Per sostenere casaNepal basta collegarsi al sito e scegliere la mimosa da inviare.

Per sostenere le donne tutti i giorni cosa fare?

Dare voce a tutti i disagi che ogni giorno le persone di sesso femminile devono affrontare per accedere ad una serie di situazioni di parità con il “resto del mondo”.

Non lasciare che ad un colloquio di lavoro ci venga ancora chiesto “Lei ha voglia di sposarsi, di fare dei figli?!” e se succede denunciare l’accaduto.

Non lasciare che una ragazza madre venga ancora discriminata per la propria scelta, e avere il coraggio di sostenere le scelte coraggiose nostre o di altre donne:credere nel potenziale che ciascuna donna ha dentro di se.

Non lasciare che un bell’imbusto troppo abbronzato, troppo potente e troppo volgare possa permettersi continuamente di fare battute sessiste e fuori luogo nei confronti delle donne Italiane e straniere nel nostro paese.

Non lasciare che la maternità sia un problema, ma ricominciare a sostenere la maternità come dono e come dirtitto di ciascuna donna.

Proteggere le donne e sviluppare solidarietà verso l’universo femminile.

L’8 Marzo non è solo la festa delle donne…buon 8 Marzo a tutti.

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Eccomi anch’io in corner a scrivere un post per contribuire al tema di questa giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Le donne sono oggetto di violenza da sempre: vittime di arroganza,di pregiudizi, di stereotipi che gravano sull’universo femminile.

La violenza sulle donne è molto spesso un tipo di violenza fisica,data soprattutto da violenza a scopo sessuale.La violenza sulle donne,però, non si traduce solo in stupro.La violenza sulle è anche prevaricazione,discriminazione.Le donne sono discriminate da sempre; da sempre devono faticare di più degli uomini per ottenere i risultati ed è per questo che si dice “hanno più senso pratico”:a furia di sgomitare o ti viene senso pratico o non sopravvivi.A volte le donne devono faticare di meno per ottenere le cose degli uomini e allora sono comunque discriminate perchè “se sono arrivate prima di un uomo è perchè l’hanno data alla persona giusta”.La violenza spesso si consuma in un angolo buio mentre qualcuno abusa del tuo corpo perchè sei donna e il tuo corpo è desiderabile;ma molto spesso la violenza sulle donne si consuma senza bisogno di un rapporto sessule non desiderato,la violenza sulle donne è spesso verbale o di intenti.Ferire una donna è spesso facile,tanto facile da essere scontato eppure è qualcosa cui spesso alcuni non riescono a sottrarsi perchè una donna è una mira così ambita quanto facile da raggiungere,facile da ferire e facile da possedere.

Noi donne siamo fatte per stare al mondo schivando amore e odio,agi e difficoltà,combattendo pregiudizi e andando verso finali che non sempre sono quei lieto fine che sognavamo da bambine…

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=giGT4M8RzOg&color1=0xb1b1b1&color2=0xcfcfcf&hl=en_US&feature=player_embedded&fs=1]

The Survivor

mottogeekEccomi qui a reduce da Parma Work Camp e la prima GGD a Bologna.Tutto andato bene, tutto liscio wow!La cosa che più mi ha dato gioia sono stati i due speech di Elvira e Giusella…grandissime.Sarei stata a d ascoltarle per ore.Le frasi che mi hanno colpito di più di entrambe:“Basta leggi sul web ce ne sono già troppe!“Chiunque ha un blog ha il dovere di comunicare e far chiarezza su ciò che sta accadendo in Italia rispetto alla libertà di espressione in rete!”Brave bellissimoGrazie a tutte e tutti e adesso ci si rimette in marcia.

Ipse Dixit

mussolini“Considero sconveniente la scelta della RAI di invitare a Sanremo le conigliette di Playboy. Visto il dibattito di queste ore su fatti drammatici, che hanno visto le donne come tragiche vittime, ritengo inopportuna e disattenta verso il mondo femminile la scelta operata dal servizio pubblico radiotelevisivo di far partecipare al Festival di Sanremo la “squadra” di Playboy.Ma se la RAI non proprio ne puo’ fare a meno e per non essere tacciata di bieco maschilismo, visto che anche noi donne paghiamo il canone, almeno invitasse anche i California Dream Men”.Alessandra Mussolini

Buona la Prima#GGD1#

Sono arrivata al Maud in orario,come previsto.Ad attendermi c’era Amanda e alla snocciolata sono arrivate tutte le altre girls.Una delle prime “ospiti” ad arrivare è stata Luise Vinciguerra (adorabile) che oltre a collaborare alla preparazione del banchetto di accoglienza è la responsabile delle nostre interviste e foto e quant’altro.I primi ospiti sono arrivati verso le 19.00 e man mano la sala si è riempita e la serata è andata avanti fluida e senza intoppi (ancora non mi capacito!).Non ci sono stati imprevisti, non è successo nulla che ci mandasse in tilt…tutto liscio come l’olio.Grazie alla laLui e Sara Rosso davvero grazie per il supporto on e off line, per il bellisimo present

..che carine:mai più senza!!!

Grazie alle nostre bravissime e speakers Livia Iacolare, Tara Kelly e Federica Festi: le testimonianze sono state interessanti e motivanti per ciascuna donna presente e per il movimento GGD.Grazie alle mie socie Geek di Roma e a tutti coloro che hanno partecipato.Grazie a la Frà che è arrivata da oltre Manica in carne ed ossa (niente cartonato!) grazie mille!!E’ stata un serata bellissima e piena di emozioni!Bella ragazze,. bella la prima e …alla prossima;)))Grazie Candy per avermi offerto un letto, una bellissima colazione stamattina e per avermi riaccompagnata in stazione e per tanti tanti motivi…TVB Candyinprogress;)))