Archivi tag: Fini

Nessun problema:mi dimetto io

Nel convulso e inesorabile can-can della nostra classe politica, tesa unicamente a difendere la condotta del presisente Berlusconi o a condannarla, nel perenne tira e molla di “Berlusconi dimettiti perché sei corrotto politicamente e moralmente ” e di contro “Deve dimettersi Fini perché regala al cognato appartamenti di partito”,mi dimetto io.Mi dimetto da cittadina Italiana.Mi dimetto dal Governo Berlusconi, dalla maggioranza e dall’opposizione.Mi dimetto dalla Minetti laureata con 110 e lode e che parla 3 lingue e che e’ più fortunata di altre che come lei parlano 3 lingue hanno laurea e master e fanno le dog- sitter per tirare a campare.Mi dimetto da Ruby venuta in Italia dal Marocco per imparare, a soli 17 anni, che in Italia bisogna fare sesso a pagamento, mentire e ricattare per finire su tutti i giornali e diventare la starlette del momento.Mi dimetto dal 3o polo e dal federalismo.Mi dimetto da chi picchia un ragazzo in carcere e lo lascia morire in ospedale.Mi dimetto da chi censura i libri di Saviano.Mi dimetto da chi ha reso questo mio paese una barzelletta mediatica.Mi dimetto dalla Fiat e da Marchionne.Mi dimetto da chi non comprende che l’esempio e’ importante e che la fiducia nelle istituzioni e’ fondamentale, per i più giovani e per quelli che verranno:i bambini che adesso parlano di Ruby, cosa penseranno domani?Mi dimetto dalla politica, in cui non ho mai creduto particolarmente, ma che spesso ha suscitato il mio interesse,interesse che adesso volge ad altro.Mi dimetto e vado a capo e cerco che nel mio piccolo mondo quei valori che ho imparato a scuola, a casa e per strada siano sempre presenti e vigili e nel mio piccolo li porto avanti, costruendo giorno per giorno un piccolo mondo migliore.

Calciatore ergo etero!

Questa foto sta girando in rete da ieri, pare che i due uomini ritratti nella foto siano 2 calciatori del Barcellona di cui uno dei due più o meno notoper aver giocato in Italia.Chiedo venia per l’ignoranza calcistica,ma il football davvero non mi appartiene.Ad ogni modo pubblico questa foto perchè è da ieri che, in particolare su facebook, si è diffusa parecchio. I due signori in questione sono stati definiti e sbeffeggiati con appellativi del tenore “checche furenti”, “froci”,”ricchioni”,queste le cose più banali di cui ho memoria…Poi i più originali hanno dedicato filastrocche, poesie da trivio in rima.Le persone che consco cui ho fatto notare la cosa hanno subitorisposto che è un scherzo, un gioco…in fondo si tratta di calcio!Tanto non è vero…figurati!A parte che ritengo poco rilevante il fatto chei due abbiano o meno un legame affettivo / sessuale fra loro.Il fatto davvero incredibile è che si arrivi a cannibalizzarela vita altrui e se ne faccia sberleffo pubblico senzacurarsi minimamente, di quello che queste due persone stanno vivendo.E il tutto perchè: essendo due calciatori, dovrebbe essere scontato che siano eteroessuali e quindi li si può prendere n giro,oppure che per le stesse identiche ragioni, essendo gay e calciatori possono essere bersagliati e offesi liberamente.Quasi quasi se lo meritano!Tutto questo mi fa fare 2+2 e pensare che per come siamo messi è scontato che il calcio sia lo sport nazionale…in un paese del genere.Lo sport nazionale non può che essere uno sport in cuisi scherniscono gli omosessuali e si prendono a calci le persone di colore…direi che siamo in linea con PDL e Carroccio e Fini: che fa tanto il progressista e il liberale senza riflettere che, fino a pochi anni fa lui e sua moglie predicavano la inadeguatezza dei maschi gay a praticare giochi di squadra come il calcio o lavori tipo l’educatore scolastico!Questo è il risultato ingoranza e sottosviluppo che regnano nel nostro paese da troppo tempo. E ripenso ad un altro calciatore gay, maltrattato e schernito qualche anno fa a Bologna.Manfesto Blogna Pride 2008Quello dei manifesti del Bologna PrideI manifesti furono tutti staccati e riempiti di scritte omofobe e assurde in cui si vaneggiava che i calciatori non sono froci o roba del genere.Pazzesco? No, made in Italy!

Calciatore ergo etero!

Questa foto sta girando in rete da ieri, pare che i due uomini ritratti nella foto siano 2 calciatori del Barcellona di cui uno dei due più o meno noto
per aver giocato in Italia.
Chiedo venia per l’ignoranza calcistica,ma il football davvero non mi appartiene.
Ad ogni modo pubblico questa foto perchè è da ieri che, in particolare su facebook, si è diffusa parecchio. I due signori in questione sono stati definiti e sbeffeggiati con appellativi del tenore “checche furenti”, “froci”,”ricchioni”,queste le cose più banali di cui ho memoria…
Poi i più originali hanno dedicato filastrocche, poesie da trivio in rima.
Le persone che consco cui ho fatto notare la cosa hanno subito
risposto che è un scherzo, un gioco…in fondo si tratta di calcio!
Tanto non è vero…figurati!

A parte che ritengo poco rilevante il fatto che
i due abbiano o meno un legame affettivo / sessuale fra loro.
Il fatto davvero incredibile è che si arrivi a cannibalizzare
la vita altrui
e se ne faccia sberleffo pubblico senza
curarsi minimamente, di quello che queste due persone stanno vivendo.
E il tutto perchè: essendo due calciatori, dovrebbe essere scontato che siano eteroessuali e quindi li si può prendere n giro,oppure che per le stesse identiche ragioni, essendo gay e calciatori possono essere bersagliati e offesi liberamente.
Quasi quasi se lo meritano!
Tutto questo mi fa fare 2+2 e pensare che per come siamo messi è scontato che il calcio sia lo sport nazionale…in un paese del genere.
Lo sport nazionale non può che essere uno sport in cui
si scherniscono gli omosessuali e si prendono a calci le persone di colore…direi che siamo in linea con PDL e Carroccio e Fini: che fa tanto il progressista e il liberale senza riflettere che, fino a pochi anni fa lui e sua moglie predicavano la inadeguatezza dei maschi gay a praticare giochi di squadra come il calcio o lavori tipo l’educatore scolastico!
Questo è il risultato ingoranza e sottosviluppo che regnano nel nostro paese da troppo tempo. E ripenso ad un altro calciatore gay, maltrattato e schernito qualche anno fa a Bologna.
Manfesto Blogna Pride 2008
Quello dei manifesti del Bologna Pride

I manifesti furono tutti staccati e riempiti di scritte omofobe e assurde in cui si vaneggiava che i calciatori non sono froci o roba del genere.
Pazzesco? No, made in Italy!