Archivi tag: Gelmini

La Pandemia o la Pantomima?

O finalmente qualcuno l’ha detto in modo ufficiale.Meglio tardi che mai!

Il rischio di questa influenza è molto più lieve di quello che i media continuano a sostenere da mesi e mesi.

L’influenza A aka la febbre suina da mesi si aggira e rimbalza da un media all’altro disseminando terrore.Io stessa ad un certo punto verso giugno stavo per rinunciare al mio viaggio in USA,poi un paio di amici di ritorno mi hanno rassicurato

“In America non c’è nulla!”

.Una coppia di amici appena sposati sono stati dirottati da Cancùn a Dubai (Allegria direbbe il buon Mike) a causa della Influenza A,viaggio organizzato da mesi…ma vi rendete conto?!Una mia amica in vacanza a Cuba (x 1 settimana) colta da mal di gola,si reca in pronto soccorso a chiedere i farmaci. E’ stata obbligata ad un isolamento forzatodi 5 giorni in cui le hanno fatto tutti gli esami del caso per poi dire che non aveva l’influenza A (un’altra vacanza rovinata dalla psicosi!).Bene anche io una volta sbarcata in USA mi aspettavo di trovare in areoporto operatori in mascherina,persone con guanti e medici per controllo…almeno la gente in mascherina come moastravano le foto sui giornali Italiani.

Niente,niente di niente…neanche una mascherina avvistata in 20 giorni.

Neanche in metropolitana,nenache in posta,per strada all’eroporto…nulla in USA da Los Angeles a New York passando per San Diego (al confine con il Messico) l’inlfuenza suina-influenza A è notiziata come una influenza stagionale contro la quale si sta cercado un vaccino.

In caso di contagio? Si va in ospedale e si riceve una cura.

Trascorse le vacanze in USA si torna in Italia,basta mettere piede sull’aereo diretto verso Roma,per rivedere di nuovo la foto di folle di Americani in prima pagina con in faccia le mascherine bianche e un titolo del tipo

“Influenza A ci saranno milioni di morti!”

Domande1)Dove le prendono i giornali le foto di gente con tutte quelle mascherine in faccia?2) Ma non abbiamo già un sacco di problemi in Italia (no li devo elencare,vero?),abbiamo davvero bisogno di inventarci un?altra epidemia?!Ad ogni modo,devo ammettere che finalemte la Gelmini ha preso una decisione giusta e non ha ceduto a chi chiedeva di chiudere le scuole!!

Questo avreivoluto scriverlo io

Riporto questo articolo perchè avrei voluto scriverlo io…è proprio quello che penso ed più o meno così che l’avrei messo giùE’una lettera aperta che Claudio Magris indirizza al Ministro GelminiPubblicata oggi sul Corriere della Serahttp://www.corriere.it/cultura/09_agosto_07/dante_verga_claudio_magris_2bef846e-8316-11de-ac4b-00144f02aabc.shtmlBuona letturalettera aperta alla gelminiDante e Verga? Basta. Mi son de TriesteMinistro, cambiamo i programmi: «El morosode la Nona» al posto della Divina CommediaSignor ministro, mi permetto di scriverLe per suggerirLe l’opportunità di ispirare pure la politica del Ministero da Lei diretto, ovvero l’Istruzione — a ogni livello, dalla scuola elementare all’università — e la cultura del nostro Paese, ai criteri che ispirano la proposta della Lega di rivedere l’art. 12 della Costituzione, ridimensionando il Tricolore quale simbolo dell’unità del Paese, affiancandogli bandiere e inni regionali. Programma peraltro moderato, visto che già l’unità regionale assomiglia troppo a quella dell’Italia che si vuole disgregare.Ci sono le province, i comuni, le città, con i loro gonfaloni e le loro incontaminate identità; ci sono anche i rioni, con le loro osterie e le loro canzonacce, scurrili ma espressione di un’identità ancor più compatta e pura. Penso ad esempio che a Trieste l’Inno di Mameli dovrebbe venir sostituito, anche e soprattutto in occasione di visite ufficiali (ad esempio del presidente del Consiglio o del ministro per la Semplificazione) dall’Inno «No go le ciave del portòn», triestino doc.Ma bandiere e inni sono soltanto simbo­li, sia pur importanti, validi solo se esprimo­no un’autentica realtà culturale del Paese. È dunque opportuno che il Ministero da Lei diretto si adoperi per promuovere un’istru­zione e una cultura capaci di creare una ve­ra, compatta, pura, identità locale.La letteratura dovrebbe ad esempio esse­re insegnata soltanto su base regionale: nel Veneto, Dante, Leopardi, Manzoni, Svevo, Verga devono essere assolutamente sostitui­ti dalla conoscenza approfondita del Moro­so de la nona di Giacinto Gallina e questo vale per ogni regione, provincia, comune, frazione e rione. Anche la scienza deve esse­re insegnata secondo questo criterio; l’ope­ra di Galileo, doverosamente obbligatoria nei programmi in vigore in Toscana, deve essere esclusa da quelli vigenti in Lombar­dia e in Sicilia. Tutt’al più la sua fisica po­trebbe costituire materia di studio anche in altre regioni, ma debitamente tradotta; ad esempio, a Udine, nel friulano dei miei avi. Le ronde, costituite notoriamente da pro­fondi studiosi di storia locale, potrebbero essere adibite al controllo e alla requisizio­ne dei libri indebitamente presenti in una provincia, ad esempio eventuali esemplari del Cantico delle creature di San Francesco illecitamente infiltrati in una biblioteca sco­lastica di Alessandria o di Caserta.Per quel che riguarda la Storia dell’Arte, che Michelangelo e Leonardo se lo tengano i maledetti toscani, noi di Trieste cosa c’en­triamo con il Giudizio Universale? E per la musica, massimo rispetto per Verdi, Mozart o Wagner, che come gli immigrati vanno be­ne a casa loro, ma noi ci riconosciamo di più nella Mula de Parenzo, che «ga messo su botega / de tuto la vendeva / fora che bacalà».Come ho già detto, non solo l’Italia, ma già la regione, la provincia e il comune rap­presentano una unità coatta e prevaricatri­ce, un brutto retaggio dei giacobini e di quei mazziniani, garibaldini e liberali che hanno fatto l’Italia. Bisogna rivalutare il rio­ne, cellula dell’identità. Io, per esempio, so­no cresciuto nel rione triestino di Via del Ronco e nel quartiere che lo comprende; perché dovrei leggere Saba, che andava inve­ce sempre in Viale XX Settembre o in Via San Nicolò e oltretutto scriveva in italiano? Neanche Giotti e Marin vanno bene, perché è vero che scrivono in dialetto, ma pretendo­no di parlare a tutti; cantano l’amore, la fra­ternità, la luce della sera, l’ombra della mor­te e non «quel buso in mia contrada»; si ri­volgono a tutti — non solo agli italiani, che sarebbe già troppo, ma a tutti. Insomma, so­no rinnegati.Ma non occorre che indichi a Lei, Signor Ministro, esempi concreti di come meglio distruggere quello che resta dell’unità d’Ita­lia. Finora abbiamo creduto che il senso pro­fondo di quell’unità non fosse in alcuna con­traddizione con l’amore altrettanto profon­do che ognuno di noi porta alla propria cit­tà, al proprio dialetto, parlato ogni giorno ma spontaneamente e senza alcuna posa ideologica che lo falsifica. Proprio chi è pro­fondamente legato alla propria terra natale, alla propria casa, a quel paesaggio in cui da bambino ha scoperto il mondo, si sente pro­fondamente offeso da queste falsificazioni ideologiche che mutilano non solo e non tanto l’Italia, quanto soprattutto i suoi innu­merevoli, diversi e incantevoli volti che con­corrono a formare la sua realtà. Ci riconosce­vamo in quella frase di Dante in cui egli dice che, a furia di bere l’acqua dell’Arno, aveva imparato ad amare fortemente Firenze, ag­giungendo però che la nostra patria è il mondo come per i pesci il mare. Sbagliava? Oggi certo sembrano più attuali altri suoi versi: «Ahi serva Italia, di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta, / non donna di province, ma bordello!».Con osservanzaClaudio Magris07 agosto 2009

In e Out: la democrazia è OUT!!!

Democrazia?Pasata di moda!Quest’anno ragazzi si porta il pugno di ferro,gli accessori consigliaìti da qui ai prossimi 5 anni sono manganelli e teste di cuoio.Come può la classe politica di un paese che si ostina a definirsi democratico, rimanere indifferente difronte a tutto quello che sta succedendo ?Come si può e andare a vanti per la propria strada senza rimandare una decisione che sta così prepotentemente mettendo in crisi una popolazione?Cosa vuol dire questo atteggiamento? Cosa vuol dire governare senza interrogarsi rigardo al consenso popolare.Come può un governo rimanere indifferente ad un movimento del genere?Cosa dovrebbe nascere da questo modo di governare?!!!Un movimento che così massiccio, deciso e compatto non si vedeva da decenni.Un grido unanime e così fortemente motivato non può essere non ascoltato in un paese libero.

COSI’è SE VI PARE dramma in soli 3 atti?

null

Attori e Interpreti

Benedetto XVI ha nostalgia della DC.

Berlusconi subito rasserena il Papa: ha appena ordinato una copia della madonnina di Bonaria d’oro protettrice dei sardi e dei naviganti e ovviamente Silvio si sente molto Sardo (forse x la’ltezza) e molto navigante ( e qui potrebbero aprirsi dei mondi).

La Gelmini se ne fotte se lascia a casa migliaia d’insegnanti, se sarà causa di un regresso della scuola Italiana e se migliaia di ragazzini subiranno il trauma di passare ad un maestro unico mentre erano passati ad averne 3 e dopo che gli avevamo spiegato che 3 era meglio di 1 adesso gli spiegheremo che 1 è meglio di 3…questo perchè vogliamo una gioventù sana e convinta. Lei tanto se ne fotte:l’hanno messa a fare il Ministro della Pubblica Istruzione ?! E adesso sono cazzi amari per tutti lei è una donna tutta d’un pezzo, mutande d’acciaio inossidabile, va avanti per la sua strada. Neanche il buco nero la risucchia la Gelmini se il mondo dovesse finire domani la Gelmini sarebbe davanti all’ingresso del buco nero a controllare che tutti i bimbi abbiano il grembiule ben stirato e il voto in condotta consono ad essere ammessi al Gran Galà del Big Bang!Bossi spara la sua periodica perla di saggezza “Un ministro dell’Istruzione dovrebbe come minimo aver fatto l’insegnante!”. Bravo Umberto sono con te.La Carfagna invece, per rimanere in target, presenta una Legge contro la prostituzione! Non si salvano nè cavoli nè capre a sto giro:tutti in carcere:mignotte e puttanieri però,solo se colti nell’atto di consumare il “reato” x strada. Il ministro ci tiene a precisare:se una donna si prostituisce in casa lonatno dal centro allora forse non è reato!!! Dai Mara pensaci su:la notte porta consiglio,o no?!Alfano & CO studiano modelli di bracciali e cavigliere elettroniche per svuotare carceri e alleggerire i carcerieri;ma l’inghippo sta nel fatto che in cantina e alcuni luoghi della casa, Signori: non cè segnale!Eh del resto siamo nl 2008 e abbiamo speso 6 milioni di euro per questo progetto…ovvio che qualche problemuccio ci sia nèh…del resto oltre  questo non ci sono abbastanza poliziotti per tuti i detenuti che dovrebbero essere sottoposti allo sconto della pena con modalità assistita a 1/2 elettronico. Ma allora che ne parliamo a fare? Non si può: è inattuabile. Basta  dai,che sui giornali parliamo d’altro su…Alemanno delira dicendo che il ventennio fascista se non fosse per le leggi razziali, la repressione e le uccisioni non ha fatto del male anzi: ha portato progresso…chiamate la neuro,ho il numero sotto mano!Poi vediamo un pò…Jovanotti si è sposato ed è felice almeno lui; mentre Obama ha perso un pò di popolarità negli ultimi sondaggi e crede di potersi rifare sfidando la Paulin a basketFerrovie dello Stato.C’è chi muore sui binari del treno mentre lavora e la dirigenza aziendale dice “E’ colpa loro (se sono morti) avevano le cuffie anti rumore!”. Please! Almeno il buon gusto e il rispetto per il dolore delle famiglie. Va bene che i media tacciano o sorvolino semplicemnte l’accaduto,ma almeno il buon gusto di tacere piuttosto che infierire così.Le poltrone non saltano,le vite si…eccome!Si muore sul lavoro quotidianamente e le grida degli operai a volte finiscono per far da colonna sonora ai film della mostra del cinema di Venezia:questa si che è Fiction!!!Un cittadino comune che  in Italia che si veda costretto per necessità o per semplice e puro piacere a dover affrontare un viaggio all’imprpovviso in una tratta del tipo Linate – Lamezia terme (SUF) oppure Lamezia terme- Bologna che non avendo prenotato con almeno 6 mesi di anticipo il volo si vede offrire  dei biglietti classe economy con tariffa di 398 euro solo andata! L’Italia del progresso!Accorrete Signori numerosiIl divertimeto è assicurato…Si abbassino le luci in sala: che lo spettacolo abbia inizio!

COSI’ è SE VI PARE dramma in soli 3 atti?

null

Attori e Interpreti

Benedetto XVI ha nostalgia della DC.

Berlusconi subito rasserena il Papa: ha appena ordinato una copia della madonnina di Bonaria d’oro protettrice dei sardi e dei naviganti e ovviamente Silvio si sente molto Sardo (forse x la’ltezza) e molto navigante ( e qui potrebbero aprirsi dei mondi).

La Gelmini se ne fotte se lascia a casa migliaia d’insegnanti, se sarà causa di un regresso della scuola Italiana e se migliaia di ragazzini subiranno il trauma di passare ad un maestro unico mentre erano passati ad averne 3 e dopo che gli avevamo spiegato che 3 era meglio di 1 adesso gli spiegheremo che 1 è meglio di 3…questo perchè vogliamo una gioventù sana e convinta. Lei tanto se ne fotte:l’hanno messa a fare il Ministro della Pubblica Istruzione ?! E adesso sono cazzi amari per tutti lei è una donna tutta d’un pezzo, mutande d’acciaio inossidabile, va avanti per la sua strada. Neanche il buco nero la risucchia la Gelmini se il mondo dovesse finire domani la Gelmini sarebbe davanti all’ingresso del buco nero a controllare che tutti i bimbi abbiano il grembiule ben stirato e il voto in condotta consono ad essere ammessi al Gran Galà del Big Bang!

Bossi spara la sua periodica perla di saggezza “Un ministro dell’Istruzione dovrebbe come minimo aver fatto l’insegnante!”. Bravo Umberto sono con te.

La Carfagna invece, per rimanere in target, presenta una Legge contro la prostituzione! Non si salvano nè cavoli nè capre a sto giro:tutti in carcere:mignotte e puttanieri però,solo se colti nell’atto di consumare il “reato” x strada. Il ministro ci tiene a precisare:se una donna si prostituisce in casa lonatno dal centro allora forse non è reato!!! Dai Mara pensaci su:la notte porta consiglio,o no?!

Alfano & CO studiano modelli di bracciali e cavigliere elettroniche per svuotare carceri e alleggerire i carcerieri;ma l’inghippo sta nel fatto che in cantina e alcuni luoghi della casa, Signori: non cè segnale!

Eh del resto siamo nl 2008 e abbiamo speso 6 milioni di euro per questo progetto…ovvio che qualche problemuccio ci sia nèh…del resto oltre  questo non ci sono abbastanza poliziotti per tuti i detenuti che dovrebbero essere sottoposti allo sconto della pena con modalità assistita a 1/2 elettronico. Ma allora che ne parliamo a fare? Non si può: è inattuabile. Basta  dai,che sui giornali parliamo d’altro su…

Alemanno delira dicendo che il ventennio fascista se non fosse per le leggi razziali, la repressione e le uccisioni non ha fatto del male anzi: ha portato progresso…chiamate la neuro,ho il numero sotto mano!

Poi vediamo un pò…Jovanotti si è sposato ed è felice almeno lui; mentre Obama ha perso un pò di popolarità negli ultimi sondaggi e crede di potersi rifare sfidando la Paulin a basket

Ferrovie dello Stato.C’è chi muore sui binari del treno mentre lavora e la dirigenza aziendale dice “E’ colpa loro (se sono morti) avevano le cuffie anti rumore!”. Please! Almeno il buon gusto e il rispetto per il dolore delle famiglie. Va bene che i media tacciano o sorvolino semplicemnte l’accaduto,ma almeno il buon gusto di tacere piuttosto che infierire così.

Le poltrone non saltano,le vite si…eccome!Si muore sul lavoro quotidianamente e le grida degli operai a volte finiscono per far da colonna sonora ai film della mostra del cinema di Venezia:questa si che è Fiction!!!

Un cittadino comune che  in Italia che si veda costretto per necessità o per semplice e puro piacere a dover affrontare un viaggio all’imprpovviso in una tratta del tipo Linate – Lamezia terme (SUF) oppure Lamezia terme- Bologna che non avendo prenotato con almeno 6 mesi di anticipo il volo si vede offrire  dei biglietti classe economy con tariffa di 398 euro solo andata! L’Italia del progresso!

Accorrete Signori numerosi

Il divertimeto è assicurato…

Si abbassino le luci in sala: che lo spettacolo abbia inizio!