Archivi tag: I-pod

Kit di sopravvivenza al buco nero!Cosa vi portate dietro il 10 Settembre?

Gustav il cattivo, dopo aver fatto tremare tutti con un un gran paura ci stupisce con una variazione di programma sul finale. Pur avendo causato vittime e disastri tuttavia, non si abbatte su New Orleans con la furia e l’impeto distrattuvo che ci sia aspattava. Tutto funziona per il meglio. New Orleans evacuata, militari a sorvegliare su case e negozi e un gruppo di 10 amici che, sfidando la sorte, trascorre tutta la notte a bere nell’unico bar aperto della città, capitolando ubriachi duri alle 6 a.m. all’arrivo dell’uragano.Disdetta per Bush junior che era pronto, stavolta ad affrontare egregiamente la sua “seconda chanche” sta ancora a piagne per la mancata opportunità.Tristizia anche per Mc Cain e la sua vice Zanna Bianca che hanno dovuto accontentarsi di una convention in sordina.Ecco, adesso che i siete rilassati e avete ancora un occhio puntato al nuovo continente, girate su voi stessi di circa 45° e puntate lo sguardo verso la vecchia Europa.E già, noi qui non ci annoiamo mai. Eu is the best place to be 4 U (slogan estemporaneo!).Dunque rimettevi subito in ansia,cominciate a tremare e perdere sonno, perchè fra 7 giorni probabilmente …Puff!Già perchè, siccome non era chiaro come avesse avuto origine la materia,è abbastanza chiaro invece come distruggerla.Bisogna assolutamente capire come è avvenuto quel fatidico grande boom da sempre detto “Big Bang!”.E allora? Dunque l’Italia in prima fila seguita da altri geni,ha deciso d’investire nel progetto atto a ricreare il famoso “punto zero” (ma non era più divertente creare un enorme punto G con tutto quello che abbiamo speso?!!!) il punto da cui tutto ebbe inizio.E no! Come potrebbe del resto l’umanità proseguire il suo percorso se tutto ciò non avvenisse? Voi, cari readers, riuscireste a dormire notti tranquille sapendo che qualcuno non si pone il problema di ricreare la grande esplosione da cui tutto ebbe inizio?!Del resto la contro indicazione è una sola: la creazione di un enorme Buco nero che ci risucchia tutti in un a ttimo; poi per carità, non è mica detto che nel buco nero sia stia peggio che qui,anche perchè ce ne vuole a star peggio ultimamente.Anyways: si il 10 Settembre potremmo tutti allegramente ritrovarci in un bel buco nero tutti felici e contenti perchè abbiamo capito come nacque la materia.Che culo vero?!Allora pensavo,visto che comunque la probabilità è reale non è mica uno scherzo, siccome magari mentre esplode tutto, io sarò in ufficio o in treno o in  macchina o in bagno…insomma saremo tutti a fare la nostra  vita di sempre: secondo me bisogna preparsi.Pensavo di preparare un kit di sopravvivenza. Perchè non è detto che nel buco nero poi si muore,magari nel buco nero restiamo tutti vivi a gallaggiare nel limbo come degli stronzi e magari ci annoiamo a morte,quindi…“Io mi faccio il kit!”.Cosa ci metto nel kit?1) Musica: I-pod con tutta la musica che ci sta dentro finchè non crepa…senza musica crepo io!2) Uno specchio:nessuna donna può sopravvivere senza specchiarsi.3) Un buon libro se sono lì che galleggio fra i neutroni e elettroni, libro e musica e per un pò ok!4) Il cubo di Rubik…la volta buona che lo finisco.5) Pinzetta per le sopracciglia così ho un impegno a cadenza fissa assicurato6) Un vasetto di nutella: se devo morire almeno muoio col sorriso:)7) Salviette umidificate…servono sempre/servono comunque!8) Un risotto in busta,non si sa mai che mi ritrovo con un vicino di limbo interessante da invitare a cena.9) Un catalogo Ikea…ovunque andrai ci sarà sempre un Ikea store nelle vicinanze!10 ) Uno spray fluorescente se è davvero così buo almeno mi si nota!Adesso che sono pronta per partire e ho ancora un ennesimo motivo per essere fiera di essere Italiana, se non succede nulla il 10 quasi quasi ci resto male!!!E voi, cosa ci mettete nel kit di sopravvivenza?

“Ma che mondo è?”

Sale mentre io sono al telefono con Gabri con un cenno e un sorriso mi chiede se può sedersi. “Certo!” le rispondo.Chiudo la conversazione,la guardo,mi sorride.”Ma possibila che non ci sia un distributore di acqua sul treno?!”La domanda mi sembra abbastanza bizzarra. “Beh, siamo su un interegionale…figurati!”.”Beh ma fa caldo da oggi in avanti,va bene che siamo giovani,però io ho sete lo stesso.Ho preso il treno di corsa e ho una sete…meno male che fra 20 minuti sono a Modena. Però pensa ad una signora anziana che deve viaggiare…che fa muore di sete?”Questa cosa dell’acqua prorpio non le va giù…ma io non ho mai visto un distributore di acqua su un treno,penso.”Beh, vabbè siamo su un interegionale le tratte sono brevi questo fa Bologna Piacenza...non è un grande viaggio, poi comunque i distributori ci sono sui binari…””E si hai ragione,ma a volte basterebbe così poco…”.Mi squilla dinuovo il cell.Mentre sono al telefono spalanca gli occhioni e mi fa cenno per chiedere il permesso di dare un occhiata alla copia del “La Repubblica” che ho sul sedile di fianco. le do via libera.Finisco la telefonata e torno dalla mia compagna di viaggio che intanto ha aperto il giornale e ad ogni titolo fa delle smorfie come da ragazzina che vuole atteggiarsi ad adulto, è buffissima.Mi guarda si ferma e mi fa “Cioè ma ti rendi conto? Questa qui ha avuto 7 figi dal padre…di cui uno gliel’han bruciato…beh vabbè tanto no, o bimbi o formiche qui è la stessa roba…ma una così poi che fa? Sta ragazza qui che vita fa adesso 24 anni chiusa in cantina a far dei figli con suo padre,ma ti rendo conto?…Mah!”.Pausa. Ne approfitto per guardare dal finestrino. ” Che poi,no” è sempre lei ” come quelli che buttano via i figli. Cioè,ormai l’hai fatto, no. Tienilo cosa lo butti nei cassonetto…cioè almeno sta vita che gli hai dato lasciagliela,poi se la gioca lui…come va va,ma io preferirei vivere,no?!Piuttosto che in un cassonetto portalo ad u istituto,no?Come quelli che tenevano i disabili come i cani…cioè ma come fa sta gente a far ste cose?!Io non lo so…”.La guardo non so che dirle è così giovane e carina, simpatica con tutti i suoi accessori da teen ager…che le dico?“E’ un mondo di merda ” è l’unica cosa che riesco a dirle…Lei continua a sfogliare il giornale sulle gambe accavallate. Le ballerine uguali ala maglietta:leopardate. Un dreadlock le scende giù su una spalla e non è molto in sintonia con la frangettona che le s’infrange sugli occhioni nocciola. Si ferma, fa una smorfia simpaticissima e agitando la mano in senso orario sbotta:” A beh, da Giovedì aumenta pure la benzina…soccia…cioè io devo prendere la macchina sono disperata. Cosa faccio? Qui costa più la benza dell’auto. “.Ecco qui ho la risposta pronta ci sono “Prendila a gas”. Mi guarda “Si, il mio moroso ha fatto l’impianto ma costa 2.000 euro però figo cosa 60 cent a litro il gas…”Beh ma infatti non conviene, adesso le fanno di fabbrica a gas…” ecco ho detto la cazzata.Mi guarda afferra il dreadlock che ha sulla spalla,mi sorride mentre si attorciglia i capelli fra indice e pollice“Si ma nuova…”e io ” Si nuova certo…fanno sia…”Mi interrompe, apppoggia laschiena al sedile, mi guarda, sorride con gusto “ E chi ce li ha i soldi per comprare una macchina nuova? Io cerco una bazza, tipo un macchinino da spendere al massimo 500 euro…una roba così tanto per iniziare,no?!”La guardo io stavolta “Senti se non ne hai davvero bisogno tipo x lavoro…lascia stare…che è solo una grande spesa adesso l’auto. Io avevao quella aziendale ho cambito lavoro,l’ho restituita e…”M’interrompe “E stai da Dio lo stesso,no?””Essì!””Ma infatti si, tanto il moroso ha la moto quando a lui non serve l’auto la prendo io…adesso tra un mese mi trasferisco a Modena da lui…ma sai che le macchine ad idrogeno esistono da sempre sol che costano un sacco di soldi…e poi lo sapevi che le macchine diesel vanno anche a olio di sanza,ma lo hanno messo fuori legge?!! Che bastardi…fanno di tutto per metterti i bastoni fra le ruote…”Legge il Blog di Grillo” penso.continua “Ma che mondo è?!” “MAh!”Siamo arrivate a Modena prende su la borsa lo zaino e lo zainetto si alza inpiedi e mi dice”Scusa se ho attaccato bottone,ma altrimenti mi addormento sul treno”Mi fa troppo ridere …le sorrido di cuore e la saluto.Riaccendo l’I-pod e la guardo sgambettare sul binario e perdersi fra la gente con addosso i suoi zainetti e i suoi 18 anni.