Tutti abbiamo bisogno di un Social Network

 

Ieri sera sono stata invitata alla presentazione di un nuovo social network per giovani creativi a Vicolo Bolognetti seguito dal Dj Set delle mie Girlz preferite le Satisfaction.Programma accattivante social networks e funky Music…come dire di no? La situazione è stata una di quelle che si vivono solo a Bologna e che ne fanno una città unica.Allora se fosse stata una presentazione di un nuovo social netowrk per giovani creativi a Milano:welcome deskbadgegadgete un buffet stitico ma coreograficolocation progettata da Renzo Pianoun preoccupatissimo e affettatissimo moderatorePresentazione di un social networks di gioavni creativi a Bologna:location quadriportico di Vicolo Bolognettisedie e tavolini di plasticaorario 21.30 buffet: 3 bocce di Sangiovese e scaglie di grana e chips in abbondanza.Nessuna traccia di palmari/I-phone/laptop.Nessun moderatore:il microfono è messo a giro fra un tavolo e l’altro.Uno degli ideatori cerca di fare luce sui fini del  del progetto e dice una frase tipo”Questo progetto mira a mettere in connessione i giovani artisti e creativi con le realtà del posto ad esempio Le Scuderie…che è un locale che ha aderito all’iniziativa e che…”Non fa in tempo a finire la frase che un ragazzo che siede con la sua clac si alza e inizia ad urlare”O ma che casso centra adesso le Scuderie diobò.Questi c’hanno i soldi.Se vogliamo fare una cosa diversa creiamo nuovi spassi x i giovani. Cioè prendiamo un posto nuovo se non c’è occupiamo…”Nel frattempo vado a prendere un birra perchè la situazione merita e anche il barista a dire la verità 😉 Mi riavvicino e c’è una ragazza che ha poca dimestichezza con “internet” ma che accusa gli ideatori di Bloomap.org (il progetto si chiamo così) come se le volessero vendere un aspirapolvere a rate:” Siete poco chiari e non mi convince questa cosa perchè se io vado in internet vedo i banner vedo i siti mi rimane impressa un’immagine,ma perchè dovrei iscrivermi qua per trovare delle persone?!” a chiarirle le idee si laza un ragassone con doppio taglio discutibile e begli occhi azzurri”Allora anch’io sono poco pratico di internet e sono arrivato qui perché mi ha portato lei (indica una bella tenebrosa con mechès fucsia) però io oltre ad essere un grafico faccio anche altro lavoro il ferro battito, organizzo raduni di moto e già da pochi giorno che sono iscritto ho trovato 2 contatti interessanti qui a Bologna che magari avrei dovuto farmi un masso così se non avessi avuto il contatto in bloo.map.!”Dall’altra parte non sono convinti e si creano dei capannelli.Si cerca di riportare la discussione sul tema della serata dall’altro tavolino un tipo chiede il microfono”Allora io mi sono collegato e mi sono registrato a questo social network e non funsionva,perchè non funsiona?allora voi mi dovete dire il perchè?”.Dopo un pò tutto finisce e la Brenda mette su il primo disco. A parte il mio scetticismo nei confronti di un progetto che si definisce Social network e poi trova la sua peculiarità nel voler rimanere locale che ho espresso a voce ad una delle sostenitrici/organizzatrici.Ragazzi è stato bellissimo esserci e troppo divertente, è stato come togliersi le scarpe appena tornati a casa dopo una lunghissima giornata di lavoro questa  è una di quelle per cose per cui non lascerò mai Bologna.In bocca al lupo ragassi!!!!

6 pensieri su “Tutti abbiamo bisogno di un Social Network

  1. lindaserra

    Ciao cara!Grazie x la visita!Beh più che lucida…sognante come analisi!Il centro di Bologna mi tira fuori sempre la parte romantica!Keep in touchLalinda

  2. OmarCaf

    Ciao,veramente interessante, peccato che me lo sono perso cmq credo fortemente nello spirito di Bologna anche io, tieniti informata su 24hrsCamp magari potremmo interagire… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *